Le api stanno lentamente scomparendo dal nostro pianeta. Questo è un grave problema per il nostro ecosistema. Nel Sudest della Cina gli alverai sono quasi del tutto estinti ed il governo cinese è dovuto correre ai ripari promuovendo una costosissima e complicata “impollinazione manuale”. Esatto i fiori vengono impollinati uno ad uno manualmente!

Le api giocano un ruolo fondamentale per il nostro ecosistema, perchè oltre ad essere le migliori indicatrici della presenza di inquinanti nell’aria sono fondamentali nella produzione alimentare, di fatto senza di loro chi impollinerebbe le coltivazioni?

E’ stato appurato che se le api scomparissero dal nostro pianeta, la presenza dell’uomo ne sarebbe gravemente compromessa.

Il design, oggi come ieri serve a risolvere i problemi della vita di tutti i giorni e il progetto di cui voglio parlare è proprio in risposta a questa necessità e c’entra con le api più di quanto voi possiate immaginare.

Francesco Faccin, designer fra i più promettenti nel panorama internazionale contemporaneo, sensibile alle problematiche sociali, ha lavorato a questo tema nell’ambito di Expo Milano 2015, cercando di capire come il design potesse affrontare questo problema.

L’idea di partenza è stata quella di creare all’interno delle città un “contatto più diretto” con le api e l’apicoltura, avvicinare quindi le persone al concetto di “cultura urbana”, spiegando che con le dovute attenzioni, si può non avere paura delle api.

Partendo dal dato di fatto che le api si innervosiscono quando ci si avvicina all’arnia, dopo un’anno di ricerca, in collaborazione con apicoltori e università, è stato realizzato il prototipo di Honey Factory, un’arnia urbana, progettata e realizzata in modo tale da “spostare” letteralmente il problema del contatto diretto con l’arnia. Come?

Inserita all’interno dei parchi delle città è stata progettata in modo da spostare all’altezza di 4 metri e mezzo l’ingresso delle api all’arnia, questo permette all’uomo di potersi avvicinare senza pericolo e attraverso una porta a vetri è possibile guardare l’operosità delle api.

L’arnia urbana, Honey Factory, oltre ad essere un oggetto di arredo urbano ed un dono per la città che l’accoglie, è anche il centro di attività e di informazione sulla tematica dell’apicultura urbana e luogo di produzione di miele.

Numerosi sono stati i premi vinti da questo ambizioso e sostenibile progetto ed è in atto una campagna di distribuzione mondiale, ho voluto parlarne perchè sebbene questo sia un progetto in evoluzione, mi auguro possa crescere e sono convinta che un cambiamento globale dei nostri stili di vita passi a volte dal coraggio di portare avanti le semplici intuizioni.

Oggi parlare di design ci porta con la mente alle meravigliose immagini che troviamo sul web di case e oggetti, ma il design è sopratutto quello delle idee che si riescono a concretizzare non solo in casa ma anche in un’idea di città diversa, intelligente e sostenibile.

A seguire il video del progetto presentato alla triennale di Milano nel 2017.

Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"

Spostare l’ingresso all’arnia a 4,5 metri di altezza permette alle persone di avvicinarsi all’arnia senza alcun problema

 

Salva

Follow us:
EMAIL
Facebook
Facebook
Instagram
PINTEREST

Write A Comment

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi